Sunday, March 12, 2017

Alterato

Le cinque domeniche di Quaresima, è un catechismo per coloro che saranno battezzati da non cristiani ad essere un seguace di Cristo. Ed è un promemoria per tutti noi che siamo stati battezzati a ricordare che è Gesù e come dovremmo viverla. Le cinque domeniche sono i preparativi per celebrare la festa del Signore trasformato, il Signore risorto di Pasqua. Se la prima domenica, siamo stati invitati ad affrontare le tentazioni nella nostra vita in modo che possiamo diventare santi e degni di essere chiamati cristiani, si concentra la seconda domenica di Quaresima a insegnare a tutti noi di cambiare, di diventare una persona migliore, per trasformare la nostra vita.

Per semplificare la nostra riflessione di oggi, ci concentreremo sulle tre parole: CAMBIARE, DIVENTARE, TRASFIGURARE.

CAMBIARE. CAMBIARE È ANDARNE VIA, è "ANDARE AVANTI". Il Signore nella prima lettura disse ad Abramo di "andare avanti", per uscire, e lasciare il proprio patria per un nuovo luogo che il Signore indicherà. Si deve cambiare il proprio cittadinanza, cambiare la propria identità, di cambiare il proprio mentalità. Pietro nel Vangelo però, ha voluto proporre tre tende al fine di rimanere, per essere statico, per non andare avanti. Ma non sapeva quello che stava dicendo. Il Vangelo ci dice che se abbiamo il Signore davanti a noi, non dobbiamo rimanere come siamo, ma piuttosto, si dovrebbe cambiare.

Durante questo tempo di Quaresima, siamo invitati a cambiare noi stessi. Dobbiamo abbandonare le cose che ci portano al peccato. Dobbiamo cambiare i nostri modi. Dobbiamo passare da ciò che si tiene lontano dal Signore. Dovremmo essere sempre andare avanti. Dobbiamo uscire dalla brutta vita ad una migliore. Dobbiamo cambiare il nostro cuore.

DIVENTARE. Il Signore disse ad Abramo, che, se lui andrà via dalla sua terra, lui lo trasformerà in una grande nazione, e sarà benedetto. Durante la trasfigurazione, il volto di Gesù brillò come il sole e le sue vesti divennero candide come la luce.

Miei cari amici, questo ci dà un suggerimento, che, se in questo tempo di Quaresima, andiamo fuori del nostro vecchio io per essere migliori, se cambiamo le nostre cattive abitudini, o cerchiamo di passare dalla vita miserabile di uno migliore, diventeremo meglio, ci sentiremo grandi, e saremo benedetti. Se cambiamo, il Signore ci trasformerà in una grande nazione, egli ci benedirà e farà i nostri nomi grandi. Se cambiamo, se viviamo dello Spirito, ci farà brillare come Gesù che brillò come il sole, noi diventiamo veri testimoni della luce di Cristo. E soprattutto, come Abramo, diventeremo una benedizione. Non è solo che saremo benedetti, ma anche in noi ci sarà una benedizione per gli altri. Il nostro cuore diventerebbe un cuore per gli altri.

TRASFIGURARE. La trasformazione, la trasfigurazione è la parola che può riassumere il cambiamento e il divenire. "Trans - figura" - e dargli la forma, di adattarsi a, da una figura a un'altra figura. Il passaggio da una figura all'altra. Da una persona comune per diventare una persona straordinaria. Per dare una nuova e tipicamente esaltato o spirituale aspetto. Per trasformarci esteriormente in meglio.

Allora Abram partì, come gli aveva ordinato il Signore. Abram aveva settantacinque anni quando lasciò Carran. E tu, quanti anni hai? Se Abramo ne aveva settantacinque ed era aperto al cambiamento, tu, perché non ti cambia? L'età non ha importanza se vogliamo cambiare. Se vogliamo cambiare, saremo trasformati. Se vogliamo convertire, saremo convertiti. Se siamo disposti ad essere trasformati, allora saremo trasformati.

Tornando a ciò che ho detto, che le cinque domeniche di Quaresima sono temi di catechesi, quando siamo battezzati, siamo trasformati in Cristo. Quando siamo battezzati siamo trasformati in figli e figlie di Dio.

In questo tempo di Quaresima, cerchiamo di essere persone migliori e di essere una benedizione per gli altri.  Cerchiamo di essere veramente testimoni di Cristo. Cerchiamo di essere veri figli e figlie di Dio.

Photo credits to Fr. Arvin Bellen, CMF


No comments:

Post a Comment