Skip to main content

Posts

Showing posts from June, 2017

Guardi!

La Chiesa proclama persone esemplari come santi perché che possano essere modelli per noi nella nostra vita cristiana. Ma prima che essi siano scelti dal popolo di Dio, essi sono innanzitutto scelti da Dio. Non sono scelti perché sono perfetti, non perché erano i migliori tra tutti, non perché sono buoni, o provengono dalla famiglia migliore, o perché sono ben educati. Sono scelti perché erano aperti ai suggerimenti dello Spirito Santo, e offrivano uno spazio per Dio nei loro cuori.

Oggi celebriamo due grandi santi, infatti, sono i due pilastri della Chiesa. Celebriamo la festa di San Pietro e Paolo. PIETRO era uno dei dodici apostoli scelti da Gesù. Originariamente era un pescatore. Ha svolto un ruolo di guida e è stato con Gesù durante gli eventi manifestati solo ad alcuni apostoli, come la Trasfigurazione. PAOLO era un ebreo ellenizzato, che godeva della cittadinanza romana. Non conobbe direttamente Gesù, sebbene suo contemporaneo, e, come tanti connazionali, avversava la neo-ist…

Intrepido

Quali sono le vostre paure nella vita? Di che cosa avete paura? Perché avete paura?

Il più grande timore dell'uomo è perdere la propria vita. La paura della morte. Da qui deriva il resto delle angosce che abbiamo: il timore delle calamità naturali, del terrore umano, la paura della perdita della ricchezza, di restare poveri, dei disturbi e delle malattie, la paura del tradimento, di rimanere soli, di perdere gli amici, l’angoscia degli occhi che osservano i passi falsi che facciamo. È l'elenco continua.

Le persone prima e durante il tempo di Gesù credevano che la morte fosse causata dal peccato. In parte è vero, ma non significa che lo sia sempre. Perché non tutti quelli che muoiono, muoiono a causa del peccato. Muoiono perché la morte fa parte della natura umana, fa parte del ciclo della vita. Ma c’è una cosa che dobbiamo ricordare: è che è venuto un uomo, il Figlio dell'uomo, figlio di Dio, Gesù era il suo nome. È venuto a cambiare il destino dell'uomo che Adam ha…

Fearless

What are your fears in life? What are you afraid of? Why are you afraid?

The greatest fear of man is to lose one’s life. The fear of death. From here stems the rest of our fears in life: fear of natural calamities, fear of man made terror, fear of losing richness, fear of staying or becoming poor, fear of ailments and diseases, fear of treachery, of being alone, of losing friends, fear of the eyes who are on the watch for any misstep of ours. And the list continues.

The people of old often believed that death is caused by one’s sin. Sin brings forth death. Somehow it’s true, depending on the syntax and context of the sentence. But it does not necessarily mean to be true always. Because not all who die, die because of sin. We die because death is part of our human nature, part of our cycle of life. One thing though that we must always remember, that at a certain point in time, in a particular place called Nazareth, a man came: the Son of Man, Son of God, and Jesus was his name. He c…

His Heart

We celebrate today the solemnity of the Sacred Heart of Jesus. What makes sacred the heart of Jesus is, first and foremost, his being the Son of God and the Son of a woman with an immaculate and marvelous heart.What makes sacred Jesus' heart is that it is full of the knowledge of the Father and it is only the Father who fills his heart.Everything that comes from it comes from the Father and what comes from his heart are signs of the abundant love of the merciful God.What makes sacred the heart of Jesus is its connection to the heart of the Father. He has the same heart as of the Father.

What makes sacred the heart of Jesus is that it is capable of embracing all those who are tired and fatigued in life, those who are lost and weary.Those who are tired can rest in his heart, find peace in his heart, find hope in his heart.

As followers, we are all invited to learn from his sacred heart.We are invited to look deeply and imitate his meek and humble heart.We are invited to take hi…

Benedetto, spezzato, condiviso

Celebriamo oggi la Festa del Corpo e del Sangue di Cristo, una festa tradizionale, stabilita nel 1264 dal Papa Urbano IV, in seguito al miracolo di Bolsena. Divenuto famoso in tutto il mondo. Ma cosa significa per noi questa realtà del "Corpo e Sangue di Cristo"? Cerchiamo di spiegarlo con tre parole chiave: BENEDETTO, SPEZZATO, E CONDIVISO.

BENEDETTO. Il significato di questa parola lo deduciamo dal Vangelo di oggi: “Se non mangiate la carne del Figlio dell’uomo e non bevete il suo sangue, non avete in voi la vita. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell’ultimo giorno… Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui.

Sì, nella Eucaristia prendiamo il benedetto (consacrato) corpo e sangue di Cristo nell'Eucaristia. Ma benedetto vuol dire molto più di questo. È più che mangiare il pane e bere il vino consacrato. La Santa Comunione è manifestazione di ciò che il Vangelo ci dice. Ma il Vangelo non parla…

Tre Amori

Stiamo celebrando oggi la solennità della Santissima Trinità: un Dio, tre persone. Ogni mente umana non sarebbe in grado di afferrare totalmente questo mistero perché sfida la logica e la formula della matematica. I Padri della Chiesa si sono sforzati di cercare le spiegazioni circa la Trinità in molti modi. E molti teologi hanno anche cercato di spiegare la complessità della Trinità.

Il modo di capire questo mistero non è la mente ma il cuore. Consiste nel guardare ciascuna delle tre persone e poi guardare le loro relazioni. Le letture questa domenica sono state scelte a questo scopo. Vediamo:

La prima lettura parla di Dio Padre. Egli è un Dio misericordioso e pietoso, lento all'ira e ricco di grazia e di fedeltà. È un Dio di compassione, con un cuore tenero, e misericordioso. È un Dio che ama il suo popolo, che perdona i nostri peccati e la nostra malvagità. In breve, Dio è una fonte di amore.

Tutto ciò è ulteriormente esposto nel Vangelo che abbiamo ascoltato, che allo stesso …

Pentecoste

Sono trascorsi cinquanta giorni dal giorno in cui abbiamo celebrato la Pasqua. Oggi celebriamo la Pentecoste. È una festa ebraica molto antica che commemora l'arrivo del popolo di Israele al Monte Sinai. Ricordiamo tutto quello che è accaduto in quel luogo: Mosè salì sulla montagna; Ha incontrato Dio e ha ricevuto la Legge da trasmettere al suo popolo.

Questa festa è stata mantenuta nella nostra tradizione cristiana, ma con un significato diverso. Ricordiamo le cose fondamentali che dobbiamo sapere sulla Pentecoste. I diversi simboli che ci ricordano chi siamo e quali sono i nostri doveri cristiani. Tutti questi simboli sono stati menzionati nelle letture che abbiamo appena sentito.

Negli Atti degli Apostoli si racconta che apparvero agli apostoli lingue come di fuoco, che si dividevano, e si posavano su ciascuno di loro, e tutti furono colmati di Spirito Santo e cominciarono a parlare in altre lingue, nel modo in cui lo Spirito dava loro il potere di esprimersi.

LINGUE COME DI F…