Skip to main content

Scelti, unti, portatore della Luce

Oggi, quarta domenica di Quaresima, ci sono presentati DUE SIMBOLI del Battesimo che ci ricordano due cose importanti nella nostra vita: LA LUCE E LA FELICITÀ. Questi simboli sono L'OLIO E LA CANDELA. L'olio significa che siamo scelti, siamo unti, siamo inviati. E la candela rappresenta Cristo, la vera luce, il nostro faro. 


Quando Dio sceglie qualcuno per condurre il suo popolo, di solito non sceglie qualcuno apparentemente perfetto agli occhi degli uomini. Perché sceglie Davide, che è solo un bel giovane, rubicondo e un ragazzo? Perché non ha scelto il fratello maggiore Eliab, con la statura alta e che aveva l'età giusta, come i vecchi dicono? A volte, Dio sceglie le persone che non sono degne agli occhi degli uomini. Quelli ai quali non abbiamo mai pensato. A volte, Dio sceglie chi non va bene per noi, secondo i nostri standard. Ma, purtroppo, Dio non vede come vede l'uomo. Noi spesso guardiamo l'apparenza, ma il Signore guarda al cuore. LE APPARENZE POSSONO ACCECARE NOI. Le apparenze ci possono portare al peccato. Alcuni ci appaiono normali, ma sono ciechi dinanzi alla verità, ciechi dinanzi alla grazia di Dio nella sua vita.

Quando veniamo battezzati, L'OLIO che viene versato su di noi ci ricorda che siamo stati unti per essere RE, SACERDOTI E PROFETI, nonostante ciò che siamo, nonostante il nostro aspetto, nonostante quanto peccaminosa sia la nostra razza. E così dunque la sfida è che, come battezzati cristiani, dobbiamo guidare la nostra famiglia, la nostra società ad una vita migliore; dobbiamo fare sacrifici per amore del bene; dobbiamo proclamare sempre la Parola di Dio agli altri.

La storia del cieco ci porta all'altro punto della celebrazione di oggi. La storia del cieco è piena di tanti simbolismi: la cecità, il peccato, la piscina di Siloe, che significa inviato, il racconto della storia del cieco a più riprese. In quei tempi, la cecità è considerata una punizione per i peccati che sono stati commessi dall'uomo. Ma quest'uomo è nato cieco. Quindi, chi ha commesso il peccato, i suoi genitori? Gesù dice né lui né i suoi genitori. “È così che le opere di Dio potrebbero essere resi visibili per mezzo di lui”. Un ironico, non è vero? E dice inoltre che, mentre lui è nel mondo, Egli è la LUCE DEL MONDO.

Infatti, GESÙ È LA LUCE che è venuta in questo mondo. Egli è il prescelto per portarci fuori dalle tenebre per condurci verso la luce. Quando non c'è luce, tutto è buio, tutto muore. Quando non c'è luce, le cose viventi muoiono. Le piante hanno bisogno di luce per crescere. Tutti noi abbiamo bisogno di luce per vivere e crescere. Quando la vita è sempre scura e cupa, siamo tristi e stanchi. Tutti noi abbiamo bisogno che Cristo sia la nostra stella polare, come abbiamo detto durante il tempo del Natale. Tutti noi abbiamo bisogno di questa stella per essere felici. Tutti noi abbiamo bisogno di questa luce per diventare felici.

Quando siamo battezzati, siamo certi che noi abbiamo questa Luce che ci guiderà, che ci illuminerà nei momenti di sconforto, nei momenti di difficoltà, nei momenti di oscurità. Ma non è tutto. La candela non rappresenta solo Cristo. Abbiamo anche ricordato che in quanto battezzati, SIAMO INVIATI. Gesù dice al cieco "Vai a lavarti nella piscina di Siloe" - che significa inviato -. Quando siamo battezzati, siamo inviati al mondo per diffondere la sua luce. Come battezzati cristiani, DIVENTIAMO PICCOLE LUCI NEL MONDO. RIFLESSIONI DELLA VERA LUCE.

Avete notato perché il Vangelo di oggi è molto lungo? il cieco ha più volte raccontato la storia di come era guarito, come è stato in grado di vedere. Questo miei cari amici, è ciò che dovremmo fare: continuamente raccontare la nostra storia di conversione, raccontare la nostra storia di essere guariti, raccontare la nostra storia di essere amati da Dio, per dire al mondo intero che Dio ha fatto un miracolo su ognuno di noi. Non dovremmo stancarsi di raccontare la nostra storia con Dio. Chi lo sa, mentre si stiamo raccontando la nostra storia di conversione, che altri possono essere illuminati e spostare, convertire il loro cuore. Siate una fonte di ispirazione per gli altri e non una fonte di disperazione. 

LA NOSTRA CECITÀ È GUARITA PERCHÉ POSSIAMO PERMETTERE AD ALTRI DI VEDERE QUELLO CHE ABBIAMO VISTO. SIAMO SCELTI, UNTI CON L'OLIO PER PROCLAMARE LA GLORIA DI DIO, PER PROCLAMARE LA GIOIA CHE QUESTA LUCE PORTA NELLA NOSTRA VITA.

Comments

Popular Posts Last Year

See You!

Close your eyes. What do you see? Nothing, right? Only darkness. Will you be happy if all you can see is black and empty? Well, some prefer to close their eyes to avoid seeing the reality, but I tell you, they won’t be happy, they won’t be forever happy.



Today, fourth Sunday of Lent, the two other symbols of Baptism that brings us also two important things in life are presented to us: LIGHT AND HAPPINESS. These symbols are the OIL AND THE CANDLE.The oil symbolizes that we are chosen, we are anointed, we are sent. And the candle represents Christ, the true light, our guiding light.

When God chooses someone to lead his people, he, don't usually chooses the seemingly perfect in the eyes of men. Why choose David, who is just a handsome youth, ruddy and young? Why not choose the lofty stature of the elder brother who is Eliab? Sometimes, most of the times, God chooses people who are not worthy in the eyes of men. Those whom we have never thought of. Sometimes, God chooses those who a…

Cambiamenti

Oggi, ci concentreremo su una sola parola che riassume tutto ciò le letture che abbiamo ascoltato e tutto ciò che dobbiamo fare nella vita come cristiani. E quella parola è CONVERSIONE. Possiamo definire conversione, cercando per il suo significato nel dizionario. Ma, concentriamoci sulle letture. Perché credo che possiamo trovare il senso da lì.

La conversione comporta il cambiamento. La conversione può essere lo stesso: l'alterazione, la modifica, variazione, la rivoluzione, la trasformazione:

1) Dal UMILIATO a GLORIOSO - la terra di Zabulon e di Neftali è stato umiliato, ma in seguito si rivelerà gloriosa;

2) Da che camminava nelle TENEBRE ad essere in grado di vedere una nuova LUCE. Vivere nelle tenebre a vivere nella luce;

3) di essere DIVERSO a UNANIME - nella fede;

4) dall'essere DIVISO in seguito a diversi capi religiosi (Apollo, Paolo, Cefa) per essere UNITI in un capo unico che è Cristo. Questo mi porta alla mente la celebrazione che stiamo celebran…