Sunday, March 26, 2017

Scelti, unti, portatore della Luce

Oggi, quarta domenica di Quaresima, ci sono presentati DUE SIMBOLI del Battesimo che ci ricordano due cose importanti nella nostra vita: LA LUCE E LA FELICITÀ. Questi simboli sono L'OLIO E LA CANDELA. L'olio significa che siamo scelti, siamo unti, siamo inviati. E la candela rappresenta Cristo, la vera luce, il nostro faro. 


Quando Dio sceglie qualcuno per condurre il suo popolo, di solito non sceglie qualcuno apparentemente perfetto agli occhi degli uomini. Perché sceglie Davide, che è solo un bel giovane, rubicondo e un ragazzo? Perché non ha scelto il fratello maggiore Eliab, con la statura alta e che aveva l'età giusta, come i vecchi dicono? A volte, Dio sceglie le persone che non sono degne agli occhi degli uomini. Quelli ai quali non abbiamo mai pensato. A volte, Dio sceglie chi non va bene per noi, secondo i nostri standard. Ma, purtroppo, Dio non vede come vede l'uomo. Noi spesso guardiamo l'apparenza, ma il Signore guarda al cuore. LE APPARENZE POSSONO ACCECARE NOI. Le apparenze ci possono portare al peccato. Alcuni ci appaiono normali, ma sono ciechi dinanzi alla verità, ciechi dinanzi alla grazia di Dio nella sua vita.

Quando veniamo battezzati, L'OLIO che viene versato su di noi ci ricorda che siamo stati unti per essere RE, SACERDOTI E PROFETI, nonostante ciò che siamo, nonostante il nostro aspetto, nonostante quanto peccaminosa sia la nostra razza. E così dunque la sfida è che, come battezzati cristiani, dobbiamo guidare la nostra famiglia, la nostra società ad una vita migliore; dobbiamo fare sacrifici per amore del bene; dobbiamo proclamare sempre la Parola di Dio agli altri.

La storia del cieco ci porta all'altro punto della celebrazione di oggi. La storia del cieco è piena di tanti simbolismi: la cecità, il peccato, la piscina di Siloe, che significa inviato, il racconto della storia del cieco a più riprese. In quei tempi, la cecità è considerata una punizione per i peccati che sono stati commessi dall'uomo. Ma quest'uomo è nato cieco. Quindi, chi ha commesso il peccato, i suoi genitori? Gesù dice né lui né i suoi genitori. “È così che le opere di Dio potrebbero essere resi visibili per mezzo di lui”. Un ironico, non è vero? E dice inoltre che, mentre lui è nel mondo, Egli è la LUCE DEL MONDO.

Infatti, GESÙ È LA LUCE che è venuta in questo mondo. Egli è il prescelto per portarci fuori dalle tenebre per condurci verso la luce. Quando non c'è luce, tutto è buio, tutto muore. Quando non c'è luce, le cose viventi muoiono. Le piante hanno bisogno di luce per crescere. Tutti noi abbiamo bisogno di luce per vivere e crescere. Quando la vita è sempre scura e cupa, siamo tristi e stanchi. Tutti noi abbiamo bisogno che Cristo sia la nostra stella polare, come abbiamo detto durante il tempo del Natale. Tutti noi abbiamo bisogno di questa stella per essere felici. Tutti noi abbiamo bisogno di questa luce per diventare felici.

Quando siamo battezzati, siamo certi che noi abbiamo questa Luce che ci guiderà, che ci illuminerà nei momenti di sconforto, nei momenti di difficoltà, nei momenti di oscurità. Ma non è tutto. La candela non rappresenta solo Cristo. Abbiamo anche ricordato che in quanto battezzati, SIAMO INVIATI. Gesù dice al cieco "Vai a lavarti nella piscina di Siloe" - che significa inviato -. Quando siamo battezzati, siamo inviati al mondo per diffondere la sua luce. Come battezzati cristiani, DIVENTIAMO PICCOLE LUCI NEL MONDO. RIFLESSIONI DELLA VERA LUCE.

Avete notato perché il Vangelo di oggi è molto lungo? il cieco ha più volte raccontato la storia di come era guarito, come è stato in grado di vedere. Questo miei cari amici, è ciò che dovremmo fare: continuamente raccontare la nostra storia di conversione, raccontare la nostra storia di essere guariti, raccontare la nostra storia di essere amati da Dio, per dire al mondo intero che Dio ha fatto un miracolo su ognuno di noi. Non dovremmo stancarsi di raccontare la nostra storia con Dio. Chi lo sa, mentre si stiamo raccontando la nostra storia di conversione, che altri possono essere illuminati e spostare, convertire il loro cuore. Siate una fonte di ispirazione per gli altri e non una fonte di disperazione. 

LA NOSTRA CECITÀ È GUARITA PERCHÉ POSSIAMO PERMETTERE AD ALTRI DI VEDERE QUELLO CHE ABBIAMO VISTO. SIAMO SCELTI, UNTI CON L'OLIO PER PROCLAMARE LA GLORIA DI DIO, PER PROCLAMARE LA GIOIA CHE QUESTA LUCE PORTA NELLA NOSTRA VITA.


Saturday, March 25, 2017

See You!

Close your eyes. What do you see? Nothing, right? Only darkness. Will you be happy if all you can see is black and empty? Well, some prefer to close their eyes to avoid seeing the reality, but I tell you, they won’t be happy, they won’t be forever happy.



Today, fourth Sunday of Lent, the two other symbols of Baptism that brings us also two important things in life are presented to us: LIGHT AND HAPPINESS. These symbols are the OIL AND THE CANDLE. The oil symbolizes that we are chosen, we are anointed, we are sent. And the candle represents Christ, the true light, our guiding light.

When God chooses someone to lead his people, he, don't usually chooses the seemingly perfect in the eyes of men. Why choose David, who is just a handsome youth, ruddy and young? Why not choose the lofty stature of the elder brother who is Eliab? Sometimes, most of the times, God chooses people who are not worthy in the eyes of men. Those whom we have never thought of. Sometimes, God chooses those who are not ok for us, according to our standards. This makes me smile because I am one of those unworthy and yet chosen. I don't pass the standards, I have failed many times. And fail over and over again. But unfortunately, God sees not as man sees. We often look at the appearance but the LORD looks into the heart. Appearances can blind us. Appearances can lead us to sin. Likewise, some appear to be normal, but deep inside, is blind to the truth, blind to the grace of God in his life.

When we are baptized, the oil that is poured upon us reminds us that we are anointed KING, PRIEST, AND PROPHET despite who we are, despite our appearance, despite how sinful our race is, despite our unworthiness. And so therefore the challenge is that, as baptized Christians, we are to lead our family, our society to a better life; we have to offer sacrifices for the sake of loving God and our neighbor; we have to always proclaim the Word of God to others no matter how sinful we are, no matter how unworthy we are.

The story of the blind man brings us the other point of today's reflection. The story of the blind is full of so many symbols (blindness, sin, Pool of Siloam which means sent, the telling of the story of the blind over and over again, and the last part of the Gospel with the Pharisees), but let us just focus on some of the main points.

In those times, blindness is considered a punishment for the sins that has been committed by man. But this man was born blind. So, who committed sin, his parents? Jesus says neither he nor his parents. His blindness is for something great ahead. “It is so that the works of God might be made visible through him.” And he further says that while he is in the world, He is the LIGHT OF THE WORLD. It is to show the identity of Jesus and an invitation for all of us as well.

Indeed, Jesus is the light that came into this world. He is the chosen one to bring us out of darkness to lead us into the light. When there is no light, all is in darkness, everything dies, everything fades away in the dark. When there is no light, living things die. Plants need light to grow and produce fruits. We all need this light to live and to grow and produce fruits as Christians. We all need Christ to be our guiding star, as we have said during the time of Christmas. When life is always dark and gloomy, we are sad and weary. We all need this star to be happy in life, not just for a day but in eternity. We all need this light to make us happy.

When we are baptized, we are assured that we have this Light who will guide us, who will enlighten us in times of despair, in times of trouble, in times of darkness. But that is not all. The candle doesn’t only represent Christ. We are also reminded that as baptized, WE ARE SENT. We are sent to what? Jesus tells the blind man to "Go wash in the Pool of Siloam" — which means sent —. When we are baptized, WE ARE BEING SENT TO THE WORLD TO SPREAD HIS LIGHT. As baptized Christians, we turn ourselves into small lights in the world.

Have you been aware why the Gospel today is very long? It is because the blind man has repeatedly told the story how he was healed, how he was able to see, over and over again, to different audiences. This my dear friends, are what we ought to do: TO CONTINUALLY TELL OUR STORY OF CONVERSION, TO TELL OUR STORY OF BEING HEALED, TO TELL OUR STORY OF BEING LOVED BY GOD, TO TELL THE ENTIRE WORLD THAT GOD MADE A MIRACLE ON US. We should not get tired of telling our story with God to others. Who knows, while you are telling your own story of conversion, others can be enlightened, moved and have a change of heart.  

AS BAPTIZED CHRISTIANS, BE A SOURCE OF INSPIRATION TO OTHERS AND NOT A SOURCE OF DESPERATION. WE WERE HEALED FROM OUR BLINDNESS SO THAT WE MAY LET OTHERS SEE WHAT WE HAVE SEEN. WE ARE CHOSEN, ANOINTED WITH OIL TO PROCLAIM THE GLORY OF GOD, TO PROCLAIM THE JOY THAT THIS LIGHT BRINGS IN OUR LIFE. WE ARE ANOINTED AND CHOSEN TO SHINE DESPITE OUR SMALL FLICKERING LIGHTS.


Sunday, March 19, 2017

Water

What is this that you see here in front of you? Water? What is its use? Where is water used? When do you use water?

Approximately seventy percent of the Earth's surface is covered with water, the oceans hold about ninety-six point five percent of all water on Earth. Water also exists in the air as water vapor, into rivers and lakes in the polar caps, glaciers, soil, and groundwater, as well as in you and in your dog. Without water, we would all die. On the other hand, when there is too much water or the water is polluted, we die. However, WATER IS THE ELEMENT OF UNIVERSAL LIFE.

In addition, water can dissolve a variety of different substances, that is why it is a good solvent. WE CALL IT AS THE "UNIVERSAL SOLVENT" because it is more effective than any other liquid in dissolving other substances.

As I told you last Sunday, the five Sundays of Lent are five catechetical materials for those who will be baptized during the vigil of Easter and as a reminder of our baptism. Today, on this third Sunday of Lent, we talk about the main element that is used in baptism. And what do we use to baptize? - WATER. 

To make our reflection simple, let us use the two water features that I have mentioned a while ago. We use these two main characteristics of the water to connect them to the identity of Christ: WATER AS A MAIN ELEMENT OF LIFE. AND WATER AS A SOLVENT UNIVERSAL. 

WATER AS A MAIN ELEMENT OF LIFE. The first reading gives us some clue. People murmured and disputed if the Lord is with them or not. Then Moses, according to the instructions of the Lord, brought forth water from the rock. This happened because, really, God was with them. The Lord said, I will be standing there in front of you on the rock in Horeb. The Lord was present. And we all know that wherever the Lord is, there is water, there is life. The presence of the Lord, symbolized by water, gives life. 

Now the water, as the water that comes from Jacob's well, if taken, yes it quenches the thirst, but not forever. Death will still come when it's our time. Jesus, in the Gospel, he said to the Samaritan woman: "Whoever drinks this water will be thirsty again; but whoever drinks the water I give him will never thirst; the water I shall give will become in him a spring of water welling up to eternal life. " In other words, Jesus was telling us through this narration that with him, we will have eternal life.

We are baptized in the name of the Father, the Son and the Spirit. And in baptism, we become symbols and presence of  Christ himself on earth. This means that Jesus is present in us. He dwells in us. WE BECOME SACRAMENTS OF CHRIST. You know what this means? This means that as baptized Christians, it is not only life on earth that we get, we also earn our ticket to eternal life. Jesus is our water, our main thing to have eternal life.  

WATER AS A UNIVERSAL SOLVENT. In front of Jesus, the woman was unable to hide his identity, his sins. Jesus told her everything he had done. He had many husbands, and the one whom she is now is not her real husband. In effect, Jesus had saved and converted her. It was not explicitly written in the Gospel, but with what had happened, she was, her sins were forgiven, HER SINS HAD BEEN DISSOLVED. 

The water in Baptism symbolizes the DISSOLVING POWER that the presence of Christ in us can do. First, Baptism dissolves the original sin. Second, Jesus died for us at the appointed time, to purify us and save us. His presence in us, dissolves all that is not pure. And so every time water is poured on us during baptism or sprinkled to us during the Easter season, we are reminded that we too must die from our old self and be new, be reborn in Christ.


JESUS, BAPTISM, SYMBOLIZED BY WATER - IS THE MAIN ELEMENT AND THE UNIVERSAL SOLVENT OF OUR CHRISTIAN LIFE. WITHOUT HIM, WITH OUT GOD, WE ALL DIE. WITHOUT HIM, WE REMAIN TO BE UNCLEANED, WE REMAIN TO BE SINNERS.

 


L'acqua

Che cosa è questo che vedete qui di fronte a voi? Acqua? Qual è il suo uso? Dove si usa l'acqua? Quando si utilizza l'acqua?

Circa il settantuno per cento della superficie terrestre è coperta di acqua, gli oceani detengono circa il novantasei virgola cinque per cento di tutta l'acqua della Terra. L'acqua esiste anche nell’aria come vapore acqueo, in fiumi e laghi, nelle calotte polari, nei ghiacciai, nel terreno, e nelle falde acquifere, e anche in voi e nel vostro cane. Senza acqua, moriremmo tutti. D'altra parte, quando c'è troppa acqua o l'acqua è inquinata, si muore. Tuttavia, L'ACQUA È L'ELEMENTO UNIVERSALE PER LA VITA.

Inoltre, l'acqua può dissolversi una varietà di sostanze diverse, è per questo che è un buon solvente. LO CHIAMIAMO COME IL "SOLVENTE UNIVERSALE", perché è più efficace di qualsiasi altro liquido.

Come vi ho detto domenica scorsa, le cinque domeniche di Quaresima sono cinque materiali catechetici per coloro che saranno battezzati durante la vigilia della Pasqua e come promemoria del nostro battesimo. Oggi, in questa terza domenica di Quaresima, parliamo dell'elemento principale che viene utilizzato nel battesimo. E che cosa usiamo per battezzare? - L'ACQUA.

Per rendere la nostra riflessione o catechesi semplice, cerchiamo di utilizzare le due caratteristiche dell’acqua che abbiamo detto. Usiamo queste due caratteristiche principali dell’acqua per collegarle al l'identità di Cristo: L'ACQUA COME ELEMENTO PRINCIPALE DELLA VITA. E L'ACQUA COME SOLVENTE UNIVERSALE.

L'ACQUA COME ELEMENTO PRINCIPALE DELLA VITA. La prima lettura ci dà un indizio. Le persone mormoravano e discutevano se il Signore è con loro oppure no. Poi Mosè, secondo le istruzioni del Signore, ha fatto sgorgare l'acqua dalla roccia. Questo è successo perché, veramente, Dio era con loro. Il Signore ha detto: sarò lì in piedi di fronte a voi sulla roccia in Horeb. Il Signore è stato presente. E ovunque il Signore è, c'è acqua, c'è vita. La presenza del Signore, che simboleggia l'acqua, dà la vita.
Ora l'acqua, come l'acqua che viene dal pozzo di Giacobbe, se si beve, ci spegnerà la sete, ma, ciò non significa che potremmo vivere per sempre. Verrà la morte quando arriva il nostro tempo. Gesù, nel Vangelo, ha detto alla donna samaritana: «Chiunque beve di quest'acqua avrà di nuovo sete; ma chi beve dell'acqua che io gli darò non avrà mai più sete, l'acqua che io gli darò diventerà in lui sorgente di acqua che zampilla per la vita eterna." Gesù ci stava dicendo che con lui, si avrà la vita eterna.

Siamo battezzati nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito. E nel Battesimo, ci trasformiamo in Cristo stesso. Questo significa, che Gesù si rende presente in noi. Egli dimora in noi. Diventiamo sacramenti di Cristo. Sai cosa significa questo? Ciò significa che, come battezzati cristiani potremo non solo ottenere la vita sulla terra con lui, ma anche, potremo guadagnare il biglietto per la vita eterna. Gesù è la nostra acqua, il nostro elemento principale per ottenere la vita eterna.
L'ACQUA COME SOLVENTE UNIVERSALE. Di fronte a Gesù, la donna non ha potuto nascondere la sua identità, i suoi peccati. Gesù le raccontò tutto quello che aveva fatto. Che aveva molti mariti e quello che ha non è il suo vero marito. In effetti, Gesù l'aveva salvata e convertita. Non è stato scritto esplicitamente nel Vangelo, ma, con quello che era successo, lei era, i suoi peccati erano stati perdonati, i suoi peccati erano stati sciolti.

L'acqua nel Battesimo simboleggia la potenza di dissoluzione che opera la presenza di Cristo in noi. In primo luogo, il Battesimo scioglie il peccato originale commesso dai nostri antenati Adamo ed Eva. In secondo luogo, Gesù è morto per noi al tempo stabilito, per purificarci e salvarci. La sua presenza in noi, scioglie tutto ciò che non è puro.

E così ogni volta che l'acqua viene versata su di noi durante il battesimo o durante il tempo di Pasqua, ci viene ricordato che anche noi dobbiamo morire dal nostro uomo vecchio, di essere nuovi, di rinascere in Cristo.

Gesù, il battessimo, simboleggiata dall’acqua – è l’elemento principale e il solvente universale della nostra vita Cristiana. Senza lui, Dio, moriremo tutti. Senza Gesù, rimangeremo peccatori.


Sunday, March 12, 2017

Alterato

Le cinque domeniche di Quaresima, è un catechismo per coloro che saranno battezzati da non cristiani ad essere un seguace di Cristo. Ed è un promemoria per tutti noi che siamo stati battezzati a ricordare che è Gesù e come dovremmo viverla. Le cinque domeniche sono i preparativi per celebrare la festa del Signore trasformato, il Signore risorto di Pasqua. Se la prima domenica, siamo stati invitati ad affrontare le tentazioni nella nostra vita in modo che possiamo diventare santi e degni di essere chiamati cristiani, si concentra la seconda domenica di Quaresima a insegnare a tutti noi di cambiare, di diventare una persona migliore, per trasformare la nostra vita.

Per semplificare la nostra riflessione di oggi, ci concentreremo sulle tre parole: CAMBIARE, DIVENTARE, TRASFIGURARE.

CAMBIARE. CAMBIARE È ANDARNE VIA, è "ANDARE AVANTI". Il Signore nella prima lettura disse ad Abramo di "andare avanti", per uscire, e lasciare il proprio patria per un nuovo luogo che il Signore indicherà. Si deve cambiare il proprio cittadinanza, cambiare la propria identità, di cambiare il proprio mentalità. Pietro nel Vangelo però, ha voluto proporre tre tende al fine di rimanere, per essere statico, per non andare avanti. Ma non sapeva quello che stava dicendo. Il Vangelo ci dice che se abbiamo il Signore davanti a noi, non dobbiamo rimanere come siamo, ma piuttosto, si dovrebbe cambiare.

Durante questo tempo di Quaresima, siamo invitati a cambiare noi stessi. Dobbiamo abbandonare le cose che ci portano al peccato. Dobbiamo cambiare i nostri modi. Dobbiamo passare da ciò che si tiene lontano dal Signore. Dovremmo essere sempre andare avanti. Dobbiamo uscire dalla brutta vita ad una migliore. Dobbiamo cambiare il nostro cuore.

DIVENTARE. Il Signore disse ad Abramo, che, se lui andrà via dalla sua terra, lui lo trasformerà in una grande nazione, e sarà benedetto. Durante la trasfigurazione, il volto di Gesù brillò come il sole e le sue vesti divennero candide come la luce.

Miei cari amici, questo ci dà un suggerimento, che, se in questo tempo di Quaresima, andiamo fuori del nostro vecchio io per essere migliori, se cambiamo le nostre cattive abitudini, o cerchiamo di passare dalla vita miserabile di uno migliore, diventeremo meglio, ci sentiremo grandi, e saremo benedetti. Se cambiamo, il Signore ci trasformerà in una grande nazione, egli ci benedirà e farà i nostri nomi grandi. Se cambiamo, se viviamo dello Spirito, ci farà brillare come Gesù che brillò come il sole, noi diventiamo veri testimoni della luce di Cristo. E soprattutto, come Abramo, diventeremo una benedizione. Non è solo che saremo benedetti, ma anche in noi ci sarà una benedizione per gli altri. Il nostro cuore diventerebbe un cuore per gli altri.

TRASFIGURARE. La trasformazione, la trasfigurazione è la parola che può riassumere il cambiamento e il divenire. "Trans - figura" - e dargli la forma, di adattarsi a, da una figura a un'altra figura. Il passaggio da una figura all'altra. Da una persona comune per diventare una persona straordinaria. Per dare una nuova e tipicamente esaltato o spirituale aspetto. Per trasformarci esteriormente in meglio.

Allora Abram partì, come gli aveva ordinato il Signore. Abram aveva settantacinque anni quando lasciò Carran. E tu, quanti anni hai? Se Abramo ne aveva settantacinque ed era aperto al cambiamento, tu, perché non ti cambia? L'età non ha importanza se vogliamo cambiare. Se vogliamo cambiare, saremo trasformati. Se vogliamo convertire, saremo convertiti. Se siamo disposti ad essere trasformati, allora saremo trasformati.

Tornando a ciò che ho detto, che le cinque domeniche di Quaresima sono temi di catechesi, quando siamo battezzati, siamo trasformati in Cristo. Quando siamo battezzati siamo trasformati in figli e figlie di Dio.

In questo tempo di Quaresima, cerchiamo di essere persone migliori e di essere una benedizione per gli altri.  Cerchiamo di essere veramente testimoni di Cristo. Cerchiamo di essere veri figli e figlie di Dio.

Photo credits to Fr. Arvin Bellen, CMF


Sunday, March 5, 2017

Le tentazioni

Questa prima domenica di Quaresima, si presentato a noi con le tre tentazioni che Gesù aveva superato. In realtà, le tre possono essere riassunte come tentazione di andare contro la volontà di Dio.

La prima tentazione è con le nostre esigenze di base, la nostra gratificazione fisica. Adamo ed Eva furono tentati dal serpente a mangiare il frutto dell'albero della vita, ed entrambi mangiarono. Gesù fu tentato da Satana per comandare alle pietre di trasformarsi in pane. Ma non l'ha fatto.

Si è semplicemente mangiare, perché era considerato come tentazione? Perché la tentazione di Satana era quello di avere lui da mangiare in modo spettacolare, utilizzando i suoi poteri divini per scopi egoistici. La tentazione era nell'invito a trasformare le pietre in pane miracolosamente, istantaneamente, senza aspettare o rimandare la gratificazione fisica. Il tentatore ha cercato di indurre Gesù ad usare i suoi poteri divini per uso personale, piuttosto che di differire totalmente alla volontà e lo spirito di Dio, nel sostentamento di padre, piuttosto che di obbedire alle parole di Dio.

Adamo ed Eva scelsero di mangiare piuttosto che obbedire della parola di Dio, piuttosto che confidare nella parola di Dio. Anche noi nella nostra vita quotidiana, a volte cadiamo nella tentazione di acquistare i nostri bisogni, per soddisfare la nostra gratificazione fisica, anche se è contro la volontà di Dio. Questa domenica, chiediamoci, quali sono le nostre azioni che abbiamo fatto per soddisfare le nostre voglie nella vita, ma sono stati fatti contro le parole e comandamenti di Dio, contro la legge di Dio?

Nella seconda tentazione, Satana vuole fare qualcosa di spettacolare per dimostrare che Egli è spiritualmente perfetto, che Dio era con Gesù in un modo molto speciale. Questo sarebbe un riconoscimento pubblico che Gesù era il Messia. Questa è stata la tentazione di tentare il Signore Dio per vedere se Egli si prende veramente cura di Gesù se cade. È stata una tentazione nella fiducia di Gesù' in Dio.

Eva vide che l'albero era buono da mangiare, gradito agli occhi e desiderabile per acquistare saggezza. Così, ha preso un po’ del suo frutto e ne mangiò; e ne diede anche al marito, che era con lei, e anch'egli ne mangiò. E boom! Invece di fidarsi della parola di Dio, si sono fidati della parola del Serpente.

Quante volte abbiamo confidato in altri dettami piuttosto che ai dettami di Dio? Quante volte non abbiamo fiducia in Dio? Quante volte abbiamo messo in dubbio la potenza di Dio, del suo amore e compassione ogni volta che abbiamo avuto problemi in famiglia, abbiamo perso una persona cara, se ci ammaliamo, quando siamo giù, quando non riusciamo nella vita?

La terza tentazione era l'appello a Gesù ad essere un re subito, ma senza obbedire a Dio. Ma Gesù sapeva che se fosse fedele al Padre, e se sarebbe stato obbediente a ogni comandamento, avrebbe ereditato tutto ciò che il Padre ha, il Regno di Dio. E a non cadere nella tentazione di Satana, è diventato il re, di tutti i re in cielo e sulla terra.

Adamo ed Eva furono tentati di essere come Dio disobbedendo a Dio, e così avevano mangiato il frutto proibito. La terza tentazione è quella di realizzare il piano di Dio con una scorciatoia, non fare la via di Dio. Ma con Dio c'è un modo per realizzare il suo piano per la nostra vita, e richiede assoluta devozione e obbedienza a Lui.

Quante volte siamo andati contro Dio e optato per le scorciatoie nella vita per raggiungere la cima, per ottenere il potere, di essere qualcuno?