Skip to main content

Una Vita in "Beta"

Ero già nell'ultimo anno di carriera computer di ingegneria quando ho dovuto cambiare la direzione della strada. Io ero un membro attivo del gruppo di pastorale giovanile della mia parrocchia e diocesi. Ho amato attività sociali e formazione dei giovani che hanno organizzato la diocesi. Dopo due anni di essere con loro, sono stato inviato per essere addestrati nella formazione dei giovani. E per questo ho avuto l'opportunità di viaggiare e conoscere l'esperienza e quasi tutti i giovani di ogni parrocchia dei tre vicari della diocesi fino alla metropolitana. Ho conosciuto le realtà di diversi profili di giovani e delle loro aspirazioni nella vita.

Trovando questi giovani, e per entrare nel bosco, passeggiate in luoghi remoti, l'amore che avevo il computer, la ricchezza volevo ottenere, e l'amore che ho avuto la mia cara ragazza sono stati trasformati dall'amore La Parola e, infine, l'amore di Dio e il suo popolo. Ho lasciato a poco a poco la priorità degli studi e il desiderio di saperne di più su circuiti elettrici nella "scheda madre" fino a che non era importante per me sapere di più sui circuiti della vita e della Parola nella " Madre Chiesa ".


Il cambiamento non è stato facile perché sono un figlio unico, viziato e giocherellona. Dovevo decidere prima di essere un servo della Parola e non essere un amministratore di server di rete e computer. Ma è o no, non era l'unico problema. Ma era più. Ho dovuto Intuit o immaginare quello che potrebbe accadere. E 'stato molto importante sapere cosa stavo facendo e che cosa potrebbe accadere. Ho dovuto condividere i miei genitori che hanno preso fatale. Gia ', come io sono l'unico che può portare il nome della famiglia, il piccolo e "grande famiglia", ora sta diventando il figliol prodigo. Ha condiviso con i miei amici e ha preso come uno scherzo, e quando ho dato ai giovani, per fortuna ci sono voluti qualcosa come un modello di servizio. Ho condiviso con il mio direttore spirituale per vedere se stavo impazzendo, al momento e per fortuna si può dire che il pazzo per Cristo non è male.


Ho anche dovuto affidare la mia vita a Dio, lasciando che mi portarlo dove vuole prendere. Così ora stai leggendo questo pezzo di sciocchezze. Ho dovuto dare e negare molte cose non essere masochista, ma dalla generosità e di essere in grado di accettare nuovi eventi. Ho dovuto studiare per migliorare la mia vita e integrare un nuovo chip, una nuova scheda di memoria e vivere una vita in "beta".


Infine, il discernimento non è in un giorno, ma Eterna e ri-di nuovo ogni giorno. E tutto questo è stato fatto in "Thanksgiving", e la preghiera. Dopo tutto questo, quello che ho avuto? Niente. Non mi ha cambiato o perdere me essere Luis III. Ma la decisione di essere un missionario che ho assunto e ha scoperto un'altra capacità di amare Dio e il prossimo. Che cosa è successo al computer? Nulla rimane lo stesso, ma già al servizio della Parola. E così Dio raggiunge i cavi ottici che ami.


Comments

Popular Posts Last Year

See You!

Close your eyes. What do you see? Nothing, right? Only darkness. Will you be happy if all you can see is black and empty? Well, some prefer to close their eyes to avoid seeing the reality, but I tell you, they won’t be happy, they won’t be forever happy.



Today, fourth Sunday of Lent, the two other symbols of Baptism that brings us also two important things in life are presented to us: LIGHT AND HAPPINESS. These symbols are the OIL AND THE CANDLE.The oil symbolizes that we are chosen, we are anointed, we are sent. And the candle represents Christ, the true light, our guiding light.

When God chooses someone to lead his people, he, don't usually chooses the seemingly perfect in the eyes of men. Why choose David, who is just a handsome youth, ruddy and young? Why not choose the lofty stature of the elder brother who is Eliab? Sometimes, most of the times, God chooses people who are not worthy in the eyes of men. Those whom we have never thought of. Sometimes, God chooses those who a…

Scelti, unti, portatore della Luce

Oggi, quarta domenica di Quaresima, ci sono presentati DUE SIMBOLI del Battesimo che ci ricordano due cose importanti nella nostra vita: LA LUCE E LA FELICITÀ. Questi simboli sono L'OLIO E LA CANDELA.L'olio significa che siamo scelti, siamo unti, siamo inviati. E la candela rappresenta Cristo, la vera luce, il nostro faro. 


Quando Dio sceglie qualcuno per condurre il suo popolo, di solito non sceglie qualcuno apparentemente perfetto agli occhi degli uomini. Perché sceglie Davide, che è solo un bel giovane, rubicondo e un ragazzo? Perché non ha scelto il fratello maggiore Eliab, con la statura alta e che aveva l'età giusta, come i vecchi dicono? A volte, Dio sceglie le persone che non sono degne agli occhi degli uomini. Quelli ai quali non abbiamo mai pensato. A volte, Dio sceglie chi non va bene per noi, secondo i nostri standard. Ma, purtroppo, Dio non vede come vede l'uomo. Noi spesso guardiamo l'apparenza, ma il Signore guarda al cuore. LE APPARENZE POSSONO ACCE…

Felice

Cosa ti rende felice? Ci sono molte ricette su come essere felici sulla terra, molti consigli sul mantenimento di una vita felice. Questa domenica, ci viene data la ricetta su come essere veramente felici. Ci viene data la formula per essere felice non solo per un certo momento, ma in ogni momento della vita cristiana.

In sintesi, la chiave principale per essere felice è l'umiltà e la mitezza. Le nostre tre letture ci dicono che nella umiltà, un cristiano troverà la felicità in questa valle di lacrime e nella vita dopo. Ma la parola umiltà è ancora molto generica per capire. In che modo possiamo essere umili per essere felici?

Cerchiamo di guardare ai mezzi specifici su come essere umile e quindi essere felice nella vita come cristiani. Cerchiamo di controllare la formula che ci è stata data da Cristo. Il primo è quello di essere "poveri in spirito". Non si tratta di non avere nulla, ma piuttosto è non tenere nulla per sé. Se maledici te stesso e gli altri, non sei pove…