Sunday, June 12, 2016

i passi per il perdono

Ci sono quattro verbi che possiamo ricordare nelle letture di oggi. E in realtà, questi quattro verbi sono i passi per il perdono: ACCETTARE, CHIEDERE, RICEVERE, RINGRAZIARE.

Il primo passo per il perdono è L'ACCETTAZIONE di un guasto o di un illecito (atto di umiltà). È difficile essere perdonati se non vediamo i nostri difetti, se giustifichiamo il male che abbiamo fatto. Nella prima lettura ci viene presentato l'atteggiamento di Davide: "Ho peccato contro il Signore”. Se abbiamo accettato la nostra colpa, siamo pronti per il passo seguente.

Il secondo passo è CHIEDERE perdono. Nel Vangelo, la donna ha percepito un disperato bisogno. Lei ha il desiderio del perdono, la purificazione, la libertà. Si avvicinò al Signore, nonostante il disprezzo pubblico e i pettegolezzi su di lei. Ha ceduto al Signore con umiltà assoluta. Siamo in grado di sperimentare Dio come un Dio che perdona solo quando chiediamo perdono. Dio è sempre lì a perdonare (per guarire, per ripristinare, per liberarci dal peso psicologico, dal senso di colpa e vergogna). La prima lettura ci assicura il perdono di Dio, non importa quanto gravemente abbiamo peccato. Per Dio è abbastanza facile. Ma per andare verso gli altri?

È molto comune che consideriamo noi stessi meglio di altri. E il più delle volte preferiamo essere ipocriti. Non riconosciamo la necessità del perdono e il pentimento come i farisei. È perché il nostro mondo è definito da quello che dice la legge e da ciò che gli altri potrebbero dire su di noi se non faremo ciò che è scritto nella legge. A volte crediamo che il nostro giudizio è lo stesso di quello di Dio. Fingiamo di essere dei. Ecco perché il più delle volte, invece di perdono e di misericordia, come i benpensanti preferiamo punire, piuttosto che perdonare e essere misericordiosi, perché siamo vincolati dalla legge, piuttosto che dalla fede.

Non perdonare significa nessuna seconda possibilità. Si tratta di distruzione totale. Nessuna speranza di restauro o recupero. Questo non è il modo di Dio. Questo non invita al pentimento. La lettura del Vangelo ci invita ad avvicinarsi Gesù come la donna peccatrice. Gesù accoglie tutti coloro che vengono a lui. Egli va anche dal fariseo che lo invita per una cena. Egli si rende disponibile al fine di insegnare, non solo per svago o interese. Tutte le sue azioni hanno un significato. Sono conformi alla sua visione: l'istituzione del Regno di Dio. Il regno di Dio è edificato sul perdono e i peccatori 'riconoscendo in lui l'inviato da Dio per salvare noi, e in cammino con lui. Gesù non evita le persone. Non è selettivo o esigente. Preferisce trattare con i peccatori o dei malati, ma, se necessario, va anche a mangiare con i giusti. Gesù è per tutti.

Allora, c'è una terza fase, perché il terzo passo è il PERDONO E LA MISERICORDIA DI DIO. Natan rispose a Davide dopo la sua accettazione del suo peccato: "Il Signore da parte sua ha perdonato il tuo peccato: non morirai." Nella parabola si dice: “Dal momento che non erano in grado di ripagare il debito, ha perdonato entrambi" Gesù accoglie i contriti di cuore - la volontà e desiderio di Dio di accogliere il peccatore. Gesù ama e perdona il pentito. Riceviamo la misericordia e la compassione di Dio, non importa quanto grandi o piccoli siano i nostri errori.

E quando ci pentiamo e sperimentiamo il suo perdono, dobbiamo esprimere il nostro amore per lui. Qui entra il quarto verbo, la quarta fase. Contro ogni previsione, con tutti i mezzi, dobbiamo dimostrare il nostro RINGRAZIAMENTO a lui. Come? Guardate cosa ha fatto la donna. Amava tanto come è dimostrato dal suo dare il profumo più costoso per Gesù e lo unse.

La seconda lettura ribadisce la salvezza, la giustificazione / il perdono dalla fede in Gesù Cristo. Le risposte variano a Gesù. Essa dipende dalla consapevolezza (gravità) del proprio peccato. La donna è veramente liberato. Il fariseo è incapace di dimostrare il suo affetto a Gesù, a causa dei suoi compagni farisei a tavola. Il sistema (sistema di credenze / pressioni di compagni) gli impedisce di farlo. Bisogna avere il coraggio di dire addio a ciò che ci impedisce di seguire Gesù. Beati i 12 e le donne che viaggiano con lui. Volete essere uno di loro? Oppure voi preferite rimanere ipocriti per sempre?

Preghiamo oggi che possiamo avere il coraggio ACCETTARE e dire con tutto il cuore il salmo: "Signore, perdona il male che ho fatto" o dire "ho sbagliato" e poi dire "Mi dispiace" o CHIEDERE il perdono. Chiediamo al Signore di aiutarci a non essere giudici a non essere ipocriti. Preghiamo affinché possiamo RICEVERE il suo perdono. E, infine, preghiamo che anche noi possiamo essere misericordiosi e compassionevoli come il Signore era stato misericordioso e compassionevole con noi. Servirà come nostro RINGRAZIAMENTO.


No comments:

Post a Comment