Sunday, December 4, 2016

Adornate!

Mancano soltanto ventuno giorni prima del natale. Siete pronti per la celebrazione? Come ti prepari per Natale?

Noi siamo già abituati ad abbellire le nostre case con decori di Natale, luci, comprare panettoni, comprare vestiti nuovi, comprare i regali, fare feste, preparare il buon cibo, etc.

Questa seconda domenica di Avvento, ci viene ricordato dalla persona di Giovanni Battista. Ci ricorda la vera preparazione che dobbiamo fare nella nostra vita, in attesa della venuta del Messia, della seconda venuta del nostro Signore. E qual è la preparazione che Giovanni il Battista ci propone? La preparazione che Giovanni il Battista ci propone è il PENTIMENTO, la CONVERSIONE. Ha detto: "Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino!"

PENTIMENTO… il pentimento dai peccati che abbiamo commesso. Ecco perché durante il tempo di Avvento, siamo invitati ad andare per le confessioni. Ma attenzione, siamo invitati NON SOLO A CONFESSARE, MA A PENTIRSI, DAI NOSTRI PECCATI. Che significa, non è solo andare al confessionale e dire ai sacerdoti i peccati che avete commesso. Sì, bisogna dirlo, ma questi peccati dovrebbe uscire dalla vostra bocca, perché siete dispiaciuti per quello che avete fatto. E quando si esce da quel confessionale, si dovrebbe uscire come una nuova e migliore persona piuttosto che essere peggiore.

Che vuol dire? Se ti è dispiaciuto che eri arrabbiato con qualcuno, se davvero eri pentito, non sarà solo dire il peccato, ma sarà il primo ad andare alla persona che aveva causato il tuo peccato, e fare la pace con lui. Perché, se dopo che si sei confessato e tuttavia si inizia ancora a dire qualcosa contro la persona, si tenta di infliggere, di ignorare, di reagire, significa che non siete veramente pentiti. Un'indicazione di una persona pentita, è che lui o lei fa pace con tutti, stabilisce buoni rapporti con tutti, e non ha alcun rancore con nessuno.

Pertanto, non è solo confessando i nostri peccati, è non solo pentirsi dai nostri peccati, ma per ESSERE CONVERTITO DAL PECCATO. IL PENTIMENTO, CHE GIOVANNI BATTISTA CI RICORDA, PORTA LA PACE, L'ARMONIA, L'UNITÀ PERCHÉ IL PECCATORE PENTITO È STATO CONVERTITO. Una persona convertito porta pace al mondo. Sarà come la persona descritta nella prima lettura, fascia dei suoi lombi sarà la giustizia, cintura dei suoi fianchi la fedeltà.

Vi ricordate i quattro significati delle candele della corona d'Avvento: la Speranza, la Pace, la Gioia e l'Amore. Il secondo è? LA PACE. Quando uno si è convertito, lui è già giusto, lui porta la pace al mondo. La preparazione che dobbiamo fare mentre aspettiamo il giorno di Natale, mentre aspettiamo la seconda venuta di Cristo è essere giusti in tutte le nostre azioni: essere convertiti dalle nostre male azioni. Non si tratta solo di adornare le nostre case, siamo anche INVITATI A ADORNARE NOI STESSI CON LA GIUSTIZIA, LA CONVERSIONE E LA PACE.

E con la stessa esortazione di san Paolo nella seconda lettura finisco. Lasciate che sia la stessa esortazione per tutti noi di questa seconda domenica di Avvento: “il Dio della perseveranza e della consolazione vi conceda di avere gli uni verso gli altri gli stessi sentimenti ad esempio di Cristo Gesù, perché con un solo animo e una voce sola rendiate gloria a Dio, Padre del Signore nostro Gesù Cristo. Accoglietevi perciò gli uni gli altri come Cristo accolse voi, per la gloria di Dio.


No comments:

Post a Comment