Sunday, January 29, 2017

Felice

Cosa ti rende felice? Ci sono molte ricette su come essere felici sulla terra, molti consigli sul mantenimento di una vita felice. Questa domenica, ci viene data la ricetta su come essere veramente felici. Ci viene data la formula per essere felice non solo per un certo momento, ma in ogni momento della vita cristiana.

In sintesi, la chiave principale per essere felice è l'umiltà e la mitezza. Le nostre tre letture ci dicono che nella umiltà, un cristiano troverà la felicità in questa valle di lacrime e nella vita dopo. Ma la parola umiltà è ancora molto generica per capire. In che modo possiamo essere umili per essere felici?

Cerchiamo di guardare ai mezzi specifici su come essere umile e quindi essere felice nella vita come cristiani. Cerchiamo di controllare la formula che ci è stata data da Cristo. Il primo è quello di essere "poveri in spirito". Non si tratta di non avere nulla, ma piuttosto è non tenere nulla per sé. Se maledici te stesso e gli altri, non sei povero di spirito. Se si tenta di migliorare la propria condizione con la violenza e l'inganno, non sei povero di spirito. Se pensi solo di te stesso e mai hai cura per gli altri, non sei povero di spirito. Se si spende per gli altri e mette se stessi al servizio di coloro che hanno bisogno di voi, siete poveri in spirito. E dal momento in cui si fa la scelta di diventare e rimanere poveri in spirito, si entra nel "regno dei cieli", e si appartiene alla famiglia dei santi, anche quando si è ancora sulla terra.

Il secondo è, a piangere. Non ti sto dicendo di piangere e piangere e piangere in modo da sarete felici. Sarebbe assurdo. È di avere un cuore spezzato (ma non perché qualcuno ha rotto il tuo cuore). Rotto a causa dei difetti e peccati che hanno bisogno di riparazione. Perché se sono veramente dispiaciuti, cercheranno il perdono di Dio e sarà benedetta dopo. Se siete veramente dispiaciuti dei vostri peccati, e si chiede il perdono di Dio, troverete sollievo, conforto, consolazione all'interno, una garanzia di perdono e di accettazione da parte di Dio. Non è quello che si sente ogni volta dopo la confessione? La seconda formula significa anche di essere sensibile e davvero si sente la situazione disperata e le terribili sofferenze degli altri.

Il terzo è quello di essere gentile, essere tenero. Per avere quel senso di bisogno di Dio devi essere umile davanti agli uomini. Saremo felici se non siamo facilmente provocati, se siamo calmi, pacati, perdono, non vendetta. Il quarto è quello di essere affamati e assetati di ogni giustizia di essere giusti, e di fare giustizia. Il quinto formula è quella di essere misericordioso, di avere uno spirito di perdono e un cuore compassionevole, di essere benevolo, perdonare coloro che hanno sbagliato, avendo empatia. Il sesto è quello di avere un cuore puro, per essere santi. Sapete che la purezza e la sporcizia del cuore di una persona viene dalle parole che escono dalla sua bocca. Se vogliamo essere veramente felici, dobbiamo lavare i nostri cuori della malvagità e pensieri. La settima formula è quella di essere operatori di pace, per portare gli uomini insieme, per fare la pace tra gli uomini e Dio, per riconciliare le differenze ed eliminare i conflitti. Chiunque cerca di evitare gli altri, perché lui non vuole fare la pace, avrà sempre una vita amara. Beh l'ultimo, non significa che si va in cerca di qualcuno che perseguita noi come cristiani. Siamo invitati a sopportare le sofferenze per Cristo ogni volta che veniamo derisi, ridicolizzati, criticati, messi da parte, trattati con ostilità, solo perché siamo cristiani, solo perché siamo un cattolico, proprio perché crediamo in Cristo, proprio perché crediamo in Dio.

È automatico per noi esseri umani l'auto difenderci quando siamo sminuiti e presi alla sprovvista. Molti di noi, quando incontriamo problemi nella vita, la nostra prima reazione è, di essere arrabbiato e ad accigliare le sopracciglia. Chi continua a essere arrabbiato nella vita e si mantiene accigliato, avrà così tante rughe in faccia e si farà molto vecchio in giovanissima età. E vi farà guardare brutto. A volte, ci sono alcuni di voi che sono accigliati e hanno quel volto aspro quando si frequenta la Messa e anche durante la comunione. Perché avere una faccia acida quando si riceve il corpo di Cristo? Come cristiani, dovremmo irradiare gioia e la felicità e non aspersa, solitudine e amaro-faccia. Chi si vuole vantare di essere un vero cristiano, mostrarlo con la faccia felice e la vita felice.

Si vuole essere veramente felice? Prendete il consiglio di Gesù e le letture di oggi per essere felici nella vita.


No comments:

Post a Comment