Skip to main content

Cambiamenti

Oggi, ci concentreremo su una sola parola che riassume tutto ciò le letture che abbiamo ascoltato e tutto ciò che dobbiamo fare nella vita come cristiani. E quella parola è CONVERSIONE. Possiamo definire conversione, cercando per il suo significato nel dizionario. Ma, concentriamoci sulle letture. Perché credo che possiamo trovare il senso da lì.

La conversione comporta il cambiamento. La conversione può essere lo stesso: l'alterazione, la modifica, variazione, la rivoluzione, la trasformazione:

1) Dal UMILIATO a GLORIOSO - la terra di Zabulon e di Neftali è stato umiliato, ma in seguito si rivelerà gloriosa;

2) Da che camminava nelle TENEBRE ad essere in grado di vedere una nuova LUCE. Vivere nelle tenebre a vivere nella luce;

3) di essere DIVERSO a UNANIME - nella fede;

4) dall'essere DIVISO in seguito a diversi capi religiosi (Apollo, Paolo, Cefa) per essere UNITI in un capo unico che è Cristo. Questo mi porta alla mente la celebrazione che stiamo celebrando in tutta la Chiesa - la settimana di preghiera per l'unità di tutti i cristiani - siamo al quinto giorno già. Stiamo pregando perché possiamo cambiare dall'essere CREDENTI DIVISI e seguaci di Cristo a CRISTIANI UNITI;

5) da un soggiorno in un UNICO LUOGO (da Nazareth) – ad essere "IN USCITA" - si sposta da un luogo ad un altro luogo (nel caso di Gesù, secondo il nostro Vangelo, andò a Cafarnao);

6) Da essere un PESCATORE ORDINARIO a PESCATORE STRAORDINARIO DI UOMINI (apostoli e discepoli di Cristo);

7) Da essere IGNORANTE su chi veramente è Dio a CONOSCERE Dio attraverso gli insegnamenti di Cristo;

8) Da essere MALATO ad essere GUARITI;

E l'elenco continua. Questa volta, facciamolo personalmente.

Cari ragazzi, siete stati invitati a frequentare la catechesi prima di iniziare a ricevere la comunione, perché ci si aspetta di essere convertito, trasformato da un ORDINARIO FREQUENTATORE DI CHIESA per essere IMPEGNATI MEMBRI DELLA COMUNITÀ CREDENTE, partecipando al pane di vita che dà luce e vita alla comunità cristiana.

L'EUCARISTIA a cui venite ogni domenica, è UN RITO DI CONVERSIONE, di una trasformazione. Anche se non lo vediamo con i nostri occhi, il PANE COMUNE E IL VINO COMUNE, frutti della terra e della vite, opera delle mani dell'uomo, si trasformano nel CORPO E SANGUE DI CRISTO. Per gli adulti che sono qui oggi nella Messa, il termine giusto per quella CONVERSIONE o trasformazione del pane e del vino nel Corpo e Sangue di Cristo è TRANSUSTANZIAZIONE.

L'EUCARISTIA a cui siete venuti, non è solo un'attività sociale che si deve fare ogni domenica. Si tratta di UN INVITO A UNA CONVERSIONE QUOTIDIANA, PER LA PROPRIA TRASFORMAZIONE, UNA MODIFICA DELLA PROPRIA VITA: LASCIARE LE TENEBRE E VIVERE NELLA LUCE; DI PROMUOVERE L'UNITÀ E NON LA DIVISIONE; DI ALLONTANARSI DAL PECCATO E VIVERE NEI VALORI DEL REGNO; per dimostrare che sei veramente un seguace "Confermato" di Cristo.

Siamo invitati ad avere un CAMBIAMENTO DI ATTEGGIAMENTO, UN CAMBIAMENTO DEL CUORE. E come i pescatori ordinari trasformati in apostoli, anche noi, cittadini comuni di oggi, siamo chiamati ad essere grandi seguaci, testimoni e portatori della gioia del Vangelo. 

Comments

Popular Posts Last Year

See You!

Close your eyes. What do you see? Nothing, right? Only darkness. Will you be happy if all you can see is black and empty? Well, some prefer to close their eyes to avoid seeing the reality, but I tell you, they won’t be happy, they won’t be forever happy.



Today, fourth Sunday of Lent, the two other symbols of Baptism that brings us also two important things in life are presented to us: LIGHT AND HAPPINESS. These symbols are the OIL AND THE CANDLE.The oil symbolizes that we are chosen, we are anointed, we are sent. And the candle represents Christ, the true light, our guiding light.

When God chooses someone to lead his people, he, don't usually chooses the seemingly perfect in the eyes of men. Why choose David, who is just a handsome youth, ruddy and young? Why not choose the lofty stature of the elder brother who is Eliab? Sometimes, most of the times, God chooses people who are not worthy in the eyes of men. Those whom we have never thought of. Sometimes, God chooses those who a…

Scelti, unti, portatore della Luce

Oggi, quarta domenica di Quaresima, ci sono presentati DUE SIMBOLI del Battesimo che ci ricordano due cose importanti nella nostra vita: LA LUCE E LA FELICITÀ. Questi simboli sono L'OLIO E LA CANDELA.L'olio significa che siamo scelti, siamo unti, siamo inviati. E la candela rappresenta Cristo, la vera luce, il nostro faro. 


Quando Dio sceglie qualcuno per condurre il suo popolo, di solito non sceglie qualcuno apparentemente perfetto agli occhi degli uomini. Perché sceglie Davide, che è solo un bel giovane, rubicondo e un ragazzo? Perché non ha scelto il fratello maggiore Eliab, con la statura alta e che aveva l'età giusta, come i vecchi dicono? A volte, Dio sceglie le persone che non sono degne agli occhi degli uomini. Quelli ai quali non abbiamo mai pensato. A volte, Dio sceglie chi non va bene per noi, secondo i nostri standard. Ma, purtroppo, Dio non vede come vede l'uomo. Noi spesso guardiamo l'apparenza, ma il Signore guarda al cuore. LE APPARENZE POSSONO ACCE…

Felice

Cosa ti rende felice? Ci sono molte ricette su come essere felici sulla terra, molti consigli sul mantenimento di una vita felice. Questa domenica, ci viene data la ricetta su come essere veramente felici. Ci viene data la formula per essere felice non solo per un certo momento, ma in ogni momento della vita cristiana.

In sintesi, la chiave principale per essere felice è l'umiltà e la mitezza. Le nostre tre letture ci dicono che nella umiltà, un cristiano troverà la felicità in questa valle di lacrime e nella vita dopo. Ma la parola umiltà è ancora molto generica per capire. In che modo possiamo essere umili per essere felici?

Cerchiamo di guardare ai mezzi specifici su come essere umile e quindi essere felice nella vita come cristiani. Cerchiamo di controllare la formula che ci è stata data da Cristo. Il primo è quello di essere "poveri in spirito". Non si tratta di non avere nulla, ma piuttosto è non tenere nulla per sé. Se maledici te stesso e gli altri, non sei pove…