Skip to main content

Love at First Sight

tumahubongI have heard a lot of stories about Tumahubong from different Claretians who had been assigned here. I also heard stories from close friends who are from this place but working in Manila. Mariz would always tell me “maganda dun, magugustuhan mo dun.” When Julius was trying to convince me to come to this place the other day, he said that I would really love it here because of its weather and the cool temperature.

When I arrived here, indeed the weather is good and the temperature is cool. I feel like I am still in Spain on its autumn temperature. But it is not the temperature nor the ambiance nor the warm acceptance of the people around that makes me like the place. I guess it is something else that makes me feel so at ease and at peace in this so called dangerous place in this tiny island. Tengo la misma sentimiento cuando me enamoré a Emmy por primera vez. Creo que estoy enamorao del lugar y de la gente. Love at first sight as they would say. Me da mucho pena de que a partir de la semana que viene, la gente serían como carneros sin pastor. Me cuesta pensar que tenemos que dejarles aqui solos por algunos meses.  

De toda forma, prometo a mi mismo que de vez en cuando subiré aqui. Salvo que mi superior sería tan pesao de no dejarme subir. Me da igual si hay gran riesgo de perder la vida, si me muero, y si no ganaría nada si me quedaría aqui. Me da igual si solo llega el coriente cuando quiere. Me da igual si no hay internet y si pierdo los contactos con el mundo y con mis amigos. Que me importa lo que pueda perder, lo que me importa ahora es lo que Dios quiere en mi vida y en la vida de mi nueva familia. Lo que me importa es la gente, la paroquia y el colegio aunque dicen que estos no pertenecen cien por cien a los Claretianos sino a la prelatura de Isabela. 

Tumahubong, ¿que has hecho a mi cabeza? Tú has capturado mi corazón. Me estas volviendo me loco. Esto no puede ser. Mucha gente te dejan solo, se escapan de tu mirada y no quieren volver contigo nunca jamas. Pero a mi no sé porque quiero quedarme aquí. Quizas es tan pronto decir te quiero, pero mejor decirlo ya que nunca. No sabemos las circunstancias de mi estancia aquí. Así ya lo sepas que TE QUIERO hasta el fondo de mi corazón. Que Dios te bendiga y te protega mientras estoy contigo.

Comments

Popular Posts Last Year

See You!

Close your eyes. What do you see? Nothing, right? Only darkness. Will you be happy if all you can see is black and empty? Well, some prefer to close their eyes to avoid seeing the reality, but I tell you, they won’t be happy, they won’t be forever happy.



Today, fourth Sunday of Lent, the two other symbols of Baptism that brings us also two important things in life are presented to us: LIGHT AND HAPPINESS. These symbols are the OIL AND THE CANDLE.The oil symbolizes that we are chosen, we are anointed, we are sent. And the candle represents Christ, the true light, our guiding light.

When God chooses someone to lead his people, he, don't usually chooses the seemingly perfect in the eyes of men. Why choose David, who is just a handsome youth, ruddy and young? Why not choose the lofty stature of the elder brother who is Eliab? Sometimes, most of the times, God chooses people who are not worthy in the eyes of men. Those whom we have never thought of. Sometimes, God chooses those who a…

Scelti, unti, portatore della Luce

Oggi, quarta domenica di Quaresima, ci sono presentati DUE SIMBOLI del Battesimo che ci ricordano due cose importanti nella nostra vita: LA LUCE E LA FELICITÀ. Questi simboli sono L'OLIO E LA CANDELA.L'olio significa che siamo scelti, siamo unti, siamo inviati. E la candela rappresenta Cristo, la vera luce, il nostro faro. 


Quando Dio sceglie qualcuno per condurre il suo popolo, di solito non sceglie qualcuno apparentemente perfetto agli occhi degli uomini. Perché sceglie Davide, che è solo un bel giovane, rubicondo e un ragazzo? Perché non ha scelto il fratello maggiore Eliab, con la statura alta e che aveva l'età giusta, come i vecchi dicono? A volte, Dio sceglie le persone che non sono degne agli occhi degli uomini. Quelli ai quali non abbiamo mai pensato. A volte, Dio sceglie chi non va bene per noi, secondo i nostri standard. Ma, purtroppo, Dio non vede come vede l'uomo. Noi spesso guardiamo l'apparenza, ma il Signore guarda al cuore. LE APPARENZE POSSONO ACCE…

Felice

Cosa ti rende felice? Ci sono molte ricette su come essere felici sulla terra, molti consigli sul mantenimento di una vita felice. Questa domenica, ci viene data la ricetta su come essere veramente felici. Ci viene data la formula per essere felice non solo per un certo momento, ma in ogni momento della vita cristiana.

In sintesi, la chiave principale per essere felice è l'umiltà e la mitezza. Le nostre tre letture ci dicono che nella umiltà, un cristiano troverà la felicità in questa valle di lacrime e nella vita dopo. Ma la parola umiltà è ancora molto generica per capire. In che modo possiamo essere umili per essere felici?

Cerchiamo di guardare ai mezzi specifici su come essere umile e quindi essere felice nella vita come cristiani. Cerchiamo di controllare la formula che ci è stata data da Cristo. Il primo è quello di essere "poveri in spirito". Non si tratta di non avere nulla, ma piuttosto è non tenere nulla per sé. Se maledici te stesso e gli altri, non sei pove…