Sunday, February 5, 2017

Salata

Ti piace mangiare? Mi piace mangiare. A chi di voi non piace mangiare? In un modo o nell'altro, dovremmo mangiare anche se non ci piace mangiare. Che tipo di cibo si desidera prendere? Naturalmente, vogliamo che il nostro cibo siano gustosi. Noi vogliamo sempre che il nostro cibo abbia un buon sapore, sia delizioso. E un modo per rendere un delizioso cibo è quello di mettere la giusta quantità di sale. Mi dispiace per quelli che sono cresciuti un po’ di età e non possono più mangiare cibi deliziosi, sia salato o dolce, a causa della malattia e di altri problemi.

Beh, dicono che il sale è dannoso per la salute. Perché provoca molte malattie. Ebbene sì, è brutto quando si eccede e quando abbiamo avuto troppo da esso. Ma io vi dico che per essere salato è buono in un altro senso della parola. Mi piace il cibo con la giusta quantità di sale, con un gusto. E mi piace una persona con una giusta quantità di sale in sé stesso. Cosa voglio dire? Quando studiavo in Spagna, sentivo spesso la frase "eres muy salao". In italiano, è letteralmente tradotto come "tu sei molto salato". Ciò significa che quella persona è una persona che dà la vita, dà sapore ad un gruppo, rende tutti felici, laboriosa, ecc. È in questo senso che il nostro Vangelo ci dice oggi: di essere salati e raggianti seguaci di Cristo.

Siamo invitati a essere il sale della terra, per dare la vita, dare energia, dare la felicità, e la grazia a tutti. Siamo invitati ad essere luce del mondo per gli altri in tempo di oscurità, nei momenti di sconforto, nei momenti di difficoltà. Siamo invitati a mostrare buone opere e rendere gloria al nostro Padre celeste.

Ma come diventare vero sale e luce della terra? Come diventare un cristiano salato e luminoso?

La prima lettura ci dà un suggerimento. Dobbiamo rimuovere l'atteggiamento di oppressione da mezzo a noi. Poi, dovremmo smettere di false accuse e smettere di pronunciare discorsi dannosi per gli altri. Poi si dice inoltre, che dovremmo dare il nostro pane a chi ha fame, che significa, dobbiamo condividere ciò che abbiamo con coloro che non ne hanno. Poi, dobbiamo soddisfare gli afflitti. IL RISPETTO, LA CONDIVISIONE, LA GIUSTIZIA. Queste sono le tre formule da ricordare. E nel fare questo, il profeta Isaia ci dice che la luce si leverà per noi nelle tenebre e la nostra tenebra diventerà per noi come il meriggio.

Dal modo in cui san Paolo ha agito, nella seconda lettura ci suggerisce che le nostre parole devono essere ispirate e basate sui valori dello spirito, sulla potenza di Dio.

E, infine, il nostro Salmo ci dà più consigli su come essere sale e luce: dovremmo essere una persona retta, gentile, misericordioso e giusto. Dobbiamo avere un cuore saldo, un cuore fermo e un cuore fiducioso in Dio. E dovremmo anche dare generosamente ai poveri, se vogliamo essere vero sale e luce nel mondo.

Quindi, miei cari amici, chiediamo nostro Signore questa domenica, di aiutarci a non perdere la nostra salinità, che possiamo servire come fonte di ispirazione per gli altri. Le cose che si imparano dalla catechesi, e ciò che si impara dalle riflessioni della Messa, non devono solo essere ascoltate e poi metterle da parte, devono essere messe in pratica.

L'effetto collaterale di troppo sale sul cibo è male è ti porta all’aldilà. Ma l'effetto collaterale di essere una persona salata è buono e ci riserva la vita eterna.

Siate sale e luce del mondo!


No comments:

Post a Comment