Sunday, February 7, 2016

Pescatore di uomini


Le tre letture di oggi si concentrano su queste tre parole sulle quali dobbiamo riflettere: LA FEDE, L'ESPERIENZA, E APOSTOLATO.

LA FEDE. La nostra fede ha due elementi. Il primo elemento è espressa da Paolo nella seconda lettura: per "avere fede" bisogna accettare il messaggio come vero e credibile. Il secondo elemento è quello che il Vangelo oggi ci insegna. La parola greca "fede" è “pistis”. Il significato di “pistis” è "fiducia". Avere fede in Gesù significa mettere la nostra fiducia totale in lui.

Il primo è quello di credere a ciò che la persona dice come vero e affidabile. E il secondo è quello di credere nella persona o per essere pronti a porsi totalmente nelle mani di quella persona. "Credo che quello che dici" e "Sono completamente fiducioso di te" sono distinti nel significato e nella sua applicazione. La fede cristiana richiede entrambi. Una vera fede non solo accetta il contenuto del messaggio di Dio come vero e credibile, ma si tratta di una resa totale di sé stessi a tutt ciò che é.

Nel Vangelo di oggi troviamo Pietro e i suoi compagni, sono gli esperti, quando si tratta di pesca nel lago. Ma anche così, dopo una notte di lavoro intero non hanno nulla da mostrare nonostante i loro sforzi. Allora Gesù, dopo aver finito l'insegnamento alle folle, suggerisce a Simone di prendere il largo e gettare le loro reti per la pesca. Gesù è figlio di un falegname. Che ne sa lui di pesca? Poi è già giorno. Non si va a pesca con la luce del giorno. Se fossi Pietro direi, "Chi sei tu, falegname, un ragazzo per dirmi che cosa devo fare, io ho più esperienza e conoscenza delle attività di pesca?" Questo mi ricorda le persone che pensano di essere migliori solo perché sono impegnati nei loro lavori e o sono più grandi di età. Poi Pietro ha detto: "Noi, [i professionisti] abbiamo faticato tutta la notte e non abbiamo preso nulla, ma sulla tua parola [il dilettante] getterò le reti".

Il risultato è stato travolgente e totalmente al di là delle loro aspettative; le reti non possono contenere i pesci. Era la loro prima prova di fede in Gesù. La stessa chiamata viene a noi: "Andate in acque profonde ... Fidati di me completamente ... e avrete una piacevole sorpresa." Non abbiamo imparato a credere finché non avremo raggiunto quel livello di fiducia totale e incondizionata nella Parola di Gesù.

ESPERIENZA. La fede non rimane nella testa. È da vivere. Dobbiamo trovare noi stessi in rapporto con lui tutte le circostanze della nostra vita. Dobbiamo trovare la sfida ad amare, a mostrare misericordia e compassione, a praticare la giustizia, a essere liberi, a essere in grado di perdonare e di riconciliarsi, a essere gentile, dolce e disponibile; si tratta di cercare, trovare e rispondere a lui in tutte le cose. E la nostra fede in lui (la fede nelle sue parole) che ci condurrà a questo tipo di esperienze. La nostra fede in lui (affidando a lui la nostra vita) ci aiuterà a sopportare eventuali disagi che potremmo sperimentare nel vivere ciò che abbiamo creduto.

APOSTOLATO. La nostra fede ed esperienza in Gesù ci rende suoi seguaci, suoi discepoli in modo che viviamo il suo modo di vivere. Abbiamo imparato da lui, abbiamo creduto alle sue parole, affidiamo la nostra vita a Lui, incorporiamo il suo insegnamento nella nostra vita. Siamo chiamati ad essere discepoli di Gesù. Sì, lo dobbiamo essere. Tuttavia, le letture di oggi ci chiedono di più. Noi siamo chiamati non solo, a seguirlo, siamo anche chiamati a trasmettere il messaggio di Gesù agli altri, per diventare apostoli di oggi. Ma nel nostro lavoro di apostolato, dobbiamo essere ricolmi di una cosa: L'UMILTÀ in ogni senso.

Dopo la grande pesca, Pietro è assolutamente sopraffatto da quanto è successo. Sa che è presente di fronte alla potenza di Dio. Tutta la sua arroganza scompare, ed è superata dalla propria piccolezza e indegnità. "Andate via da me, Signore, io sono un peccatore". Un vero e proprio segno di un'esperienza con Dio. Chiunque viene veramente faccia a faccia con Dio deve diventare consapevole della sua piccolezza di fronte a Dio.

Isaia dice nella prima lettura: "Che miserabile lo stato in cui sono! Sono perduto, perché sono un uomo dalle labbra impure ... ed i miei occhi hanno guardato il re, il Signore degli eserciti". Paolo dice: "Io sono il minimo degli apostoli ... Quasi non merito il nome dell'apostolo." E nonostante questo, tutti - Pietro, Paolo, Isaia - sono stati chiamati ad essere apostoli. Una persona delegata e inviata a trasmettere un messaggio o effettuare una missione per conto del suo padrone. Questi tre uomini sono stati chiamati e, anzi, ogni persona che vuole essere conosciuta come un "cristiano" è chiamato non solo ad essere un discepolo, un seguace, ma anche un apostolo, un araldo, un annunciatore. E questo non solo a parole, ma con tutta la testimonianza di ciò che si è e si fa. "Eccomi, manda me", ha detto Isaia. "Ho lavorato più di tutti gli altri (nella predicazione del Vangelo di Gesù)", dice Paolo. "D'ora in poi sarai pescatore di uomini", Gesù dice a Pietro.

FIDUCIA nel Signore, ESPERIENZA del Signore, e il nostro APOSTOLATO nel Signore conducono ad una vita umile. Un pesactore di uomini, hanno bisogno di questi tre. E solo la persona umile mette la sua fiducia in qualcun altro. Solo una persona umile sa vivere ciò che gli viene chiesto. Solo una persona umile andrà in tutto il mondo a predicare Lui e non sé stesso.


No comments:

Post a Comment