Skip to main content

Pregare, Imparare, Essere Buono


Mi permetta di iniziare dicendo che la maggior parte di noi chiedono sempre ciò che sta accadendo in questo mondo e perché non possiamo cambiarlo. Parte della sua risposta è in realtà in noi. Noi siamo la risposta a questo cambiamento. Forse, non potremmo cambiare il mondo, ma possiamo essere il cambiamento. E possiamo farlo aumentando la nostra fede in Dio.

Nel Vangelo di oggi, abbiamo sentito che i discepoli chiesero a Gesù un aumento di fede. Questa è la stessa cosa che dobbiamo fare, dobbiamo anche noi chiedere a Gesù di aumentare la nostra fede. Per aumentare la fede, abbiamo un sacco di cose da fare. Uno è quello di conoscere prima la nostra fede, e l'altro è quello di rafforzare quello che già sappiamo. Il catechismo aiuterà il primo. Il secondo dipende già del nostro stile di vita.

Come aumentare la nostra fede? A voi miei cari ragazzi, vorrei darvi tre parole da ricordare: PREGARE, STUDIARE, ESSERE BUONO.

PREGARE. Rendere questo un'opportunità per imparare a pregare. In modo che si può avere un rapporto più stretto con Dio Padre. Potete dire tutto quello che volete a lui. Ma non basta pregare per voi stessi. Pregate anche per i vostri compagni, per i vostri insegnanti e per i vostri genitori. Qual era la prima parola? - PREGARE.

E il secondo? - IMPARARE. Quando si frequenta la catechesi, non venite solo per giocare o per stare con i vostri amici. Verrete a sapere di più chi è Dio, e quanto ama ognuno di voi, e che si deve sempre avere fiducia in lui. Al termine della catechesi, chiederò a ciascuno di voi quello che avete imparato. Quindi, imparate bene. La seconda parola, qual era? - IMPARARE

E la terza? - ESSERE BUONO. Essere un buon cristiano non è solo imparare a memoria il Padre nostro, l’Ave Maria, o partecipare alla Messa ogni domenica. Dovreste essere buoni con i vostri compagni, vostri insegnanti, i vostri genitori. Dovete mettere in atto quello che avete imparato.

Quali sono di nuovo le tre parole? PREGARE, STUDIARE, ESSERE BUONO. Molto bene!

Ora vorrei rivolgermi ai catechisti. Miei cari catechisti, dovete anche voi PREGARE, IMPARARE E ESSERE BUONI CATECHISTI.

PREGATE affinché siate credibili nell’insegnare loro a pregare. Pregate quando si trova una classe come la situazione del Habakuk nella prima lettura (quando cominciarono di gridare, correre, infastidire). Pregate in modo che si può contenere sé stessi e mantenere la presenza di Dio nei vostri volti. E per favore pregate per i vostri ragazzi, che possano avere fiducia in Dio più profonda e più forte. E poi pregate anche per i loro genitori.

Poi, IMPARATE DA LORO E INSEGNA. Voi state dando un servizio grande e gratuito a questi ragazzi non solo per insegnare loro. È anche per imparare da loro. Ricordate che il Signore ama i piccoli e ci viene detto di imparare da loro. Quindi, dovete imparare quali sono i loro doni preziosi, in modo che possiate essere in grado di insegnare loro come ravvivare quei doni di Dio. In modo che, alla fine, possono servire il popolo e il Signore con coraggio come dice san Paolo nella seconda lettura. Dovete imparare da Dio e poi insegnare loro ad avere lo spirito di potere, di amore, e di auto-controllo. Dovete imparare da la chiesa e poi insegnare loro ad essere cristiani coraggiosi.

E, infine, per favore SIATE BUONI. So che tutti voi siete bravissimi. Pero vi chiedo di essere di più. Siate testimoni della misericordia del nostro Signore. Vorrei che vi ricordaste ciò che Gesù sta cercando di dirci nella seconda parte del Vangelo. In una vero, rapporto d'amore, sia che si tratti di Dio o un'altra persona, la gioia e la soddisfazione è nel dono e condivisione incondizionata. Stiamo facendo questo non per la nostra soddisfazione, ma per Dio. Facciamo questo perché siamo buoni e vogliamo aumentare la loro fede, così come anche noi impariamo a aumentare la nostra fede. Sarei molto felice se 20 anni da oggi, anche se possono aver dimenticato i vostri nomi, ma non avranno mai dimenticato nostro Signore.

Comments

Popular Posts Last Year

See You!

Close your eyes. What do you see? Nothing, right? Only darkness. Will you be happy if all you can see is black and empty? Well, some prefer to close their eyes to avoid seeing the reality, but I tell you, they won’t be happy, they won’t be forever happy.



Today, fourth Sunday of Lent, the two other symbols of Baptism that brings us also two important things in life are presented to us: LIGHT AND HAPPINESS. These symbols are the OIL AND THE CANDLE.The oil symbolizes that we are chosen, we are anointed, we are sent. And the candle represents Christ, the true light, our guiding light.

When God chooses someone to lead his people, he, don't usually chooses the seemingly perfect in the eyes of men. Why choose David, who is just a handsome youth, ruddy and young? Why not choose the lofty stature of the elder brother who is Eliab? Sometimes, most of the times, God chooses people who are not worthy in the eyes of men. Those whom we have never thought of. Sometimes, God chooses those who a…

Scelti, unti, portatore della Luce

Oggi, quarta domenica di Quaresima, ci sono presentati DUE SIMBOLI del Battesimo che ci ricordano due cose importanti nella nostra vita: LA LUCE E LA FELICITÀ. Questi simboli sono L'OLIO E LA CANDELA.L'olio significa che siamo scelti, siamo unti, siamo inviati. E la candela rappresenta Cristo, la vera luce, il nostro faro. 


Quando Dio sceglie qualcuno per condurre il suo popolo, di solito non sceglie qualcuno apparentemente perfetto agli occhi degli uomini. Perché sceglie Davide, che è solo un bel giovane, rubicondo e un ragazzo? Perché non ha scelto il fratello maggiore Eliab, con la statura alta e che aveva l'età giusta, come i vecchi dicono? A volte, Dio sceglie le persone che non sono degne agli occhi degli uomini. Quelli ai quali non abbiamo mai pensato. A volte, Dio sceglie chi non va bene per noi, secondo i nostri standard. Ma, purtroppo, Dio non vede come vede l'uomo. Noi spesso guardiamo l'apparenza, ma il Signore guarda al cuore. LE APPARENZE POSSONO ACCE…

Be Blessed

May the Lord bless you and keep you! May he let his face shine upon you, and be gracious to you! And may you find peace in your hearts!

Today we celebrate the Solemnity of Mary, Mother of God, and at the same time, is the way we start our year with a blessing from above. It is but fitting to start the year thanking the Lord for the new beginning and the graces to be received in the coming days and months of 2017.

In today’s reflection, let us focus on four points that we can grasp from the readings of today: HURRY, KEEP, INVOKE, BLESS.

HURRY, GO IN HASTE.The shepherd didn’t waste their time to go and rush towards where the baby boy is to be found. When they were told to go, they went. And so, they found Mary and Joseph and the infant in the manger.

Most of us have had plans for the 2017. If it’s important. If you planned to change your ways, do it and start it now. Hurry. This year, it is good to start it right. If we have important things to do, don’t waste time. Do it immediately. An…